banner
Voi siete qui: Home > Eventi > Share

About:

Share

Lo share prize è un concorso internazionale di arte digitale interattiva.
Lo scopo è quello di rappresentare l’unione tra l’ ARTE e le NUOVE TECNOLOGIE.
Le sei opere finaliste di questa edizione sono state:
- Ralf Baeckr con CALCULATING SPACE (Germania, 2007);
- Ernesto Klar con CONVERGENZE PARALLELE (USA/Venezuela, 2006);
- Lia con PROXIMITY OF NEDS (Austria, 2004);
- Francesco Meneghini-William Bottin con SCIAME 1 (Italia, 2008);
- Andreas Muxel con CONNECT (Germania 2008);
- Random International con AUDIENCE (Regno Unito 2008);


CALCULATING SPACE
Scultura realizzata con corde, piombini e bastoni. È una rete funzionale e logica e le operazioni si svolgono davanti allo spettatore. La sua struttura è geometrica, precisa e lo spettatore è in grado di seguirne tutta la logica dell’elaborazione da ogni punto di vista. Il nucleo è circondato da una struttura a nove angoli che va a formare un toro. Le operazioni sono accompagnate da un suono polifonico.

CONVERGENZE PARALLELE
Istallazione audiovisiva dotata di un software in grado di visualizzare, sonorizzare e rintracciare le particelle che si muovono attraverso un raggio di luce. Al centro è posizionato uno oggetto scultoreo; è composta da una videocamera, un faro, un ventilatore, un contenitore con della polvere ed uno sfondo nero. La videocamera registra il movimento delle particelle di polvere che attraversano un raggio luminoso, successivamente analizza la posizione delle particelle di polvere,le quali tracceranno su di una tela digitale il loro movimento, che in natura non sarebbe visibile.

PROXIMITY OF NEDS
È un sistema audiovisivo interattivo che ruota attorno ad una serie di parametri e da vita ad animazioni, le quali generano un prodotto visivo. È un ciclo senza fine che agisce sulla transitorietà delle immagini digitali. L’interfaccia non è decifrata lasciando al fruitore un campo d’azione illimitato.

SCIAME 1
È un sistema che si ispira al comportamento degli sciami di insetti. Lo spazio è buio e piccoli oggetti volanti e luminosi si inseguono attorno ad un campo magnetico. Il movimento degli oggetti/insetti è intercettato da un’antenna collegata ad un Grillo Parlante, un giocattolo di primi anni 80 che insegnava ai bambini a leggere e a scrivere. Il Grillo Parlante non emetterà più parole sensate ma creerà un ambiente sonoro complesso .

CONNECT
Il sistema è formato da tredici moduli connessi ad una matrice, in ogni modulo è presente un microcontrollore , una sfera di acciaio collegata da una fascia di gomma e da un motore. Tra essi è sistemato un sensore in grado di attivare l’oscillazione della sfera attraverso un semplice meccanismo di reazione. Ogni singolo elemento è controllato da una barra analogica con un magnete e una volta che la sfera è collegata alla barra comincia ad oscillare finché verrà scollegato per realizzare una nuova connessione.

AUDIENCE
È un istallazione composta da una moltitudine di oggetti a specchio. Ogni oggetto muove il suo schermo in modo particolare andando a riprodurre le caratteristiche del comportamento umano. Questi specchi una volta che il pubblico entra nel campo dell’istallazione, incuriositi, seguono una persona che la considerano interessante. A questo punto tutti si sincronizzano e si girano verso di lui, cosicché la persona vedrà la sua immagine riflessa in tutti gli specchi.

Marketplace:

La mostra è stata ideata da un gruppo di artisti contemporanei che esprimono attraverso le loro opere le proprie opinioni riguardo al mercato. Questi lavori rientrano nel campo del marketing e della comunicazione commerciale,sono per lo più paradossali e scherzose e usano il supermercato come luogo privilegiato. Oggi giorno il supermercato è paragonato alla nostra identità di consumatori, ed è proprio qui che gli artisti agiscono trasformandolo in un vero e proprio campo artistico. Molte opere fanno riferimento al mercato globale, evidenziando le contraddizioni legate al nostro stile di vita. Questi Artisti molto spesso si organizzano in veri e propri gruppi e compiono azioni attivistiche nei supermercati come ad esempio lo Shop Dropping teorizzato da Hughes nel 2004. Uno degli esempi più famosi è quello di Banksy che ha distribuito 3000 copie vuote del Cd di Paris Hilton. Scopo ultimo della mostra Market Forces è il far comprendere al pubblico come funziona e che impatto ha l’economia sulla vita di tutti i giorni.

Recensione tratta dal sito ufficiale.


foto_evento

Photogallery

 
Powered by: Undermedia Staff